Le principali notizie della settimana - Economia - 19.03.2020

avatar
Le principali notizie della settimana - Economia - 19.03.2020

Il piano della Banca Nazionale Romena per fronteggiare le conseguenze del COVID-19

Le proposte fiscali dell’ ANAF

Le banche chiedono l'esenzione dal pagamento delle commissioni alla NBR durante l'epidemia

100 Proposte da parte degli imprenditori per affrontare la crisi

Rallenta la creescita netta dei salari

La Banca Nazione Romena (NBR) ha annunciato che garantirà un tasso di cambio stabile leu / euro, scongiurando anche un aumenti del tasso di interesse (il tasso di rifinanziamento delle banche ordinare presso la banca centrale). La liquidità alle banche sarà fornita in modo che non vi siano problemi nel sistema dei pagamento o situazioni di crisi e stò venendo valutata l’ipotesi di sostenere l’allungamenti delle scadenze dei prestiti per società e privati ​​per un periodo di 5-10 anni, se non di più, a seconda dell'evoluzione dell'economia.

 

 

l termine per la presentazione delle dichiarazioni fiscali sarà posticipato dal 25 marzo al 25 aprile 2020 e le azioni di controllo fiscale saranno sospese, salvo casi di evasione, informa l'Agenzia Nazionale per l'Amministrazione Fiscale (ANAF). Inoltre non avverrà l'esecuzione forzata del rimborsare l'IVA e le attività specifiche ai valichi di frontiera con l'Ungheria e la Bulgaria saranno sospese. Le misure saranno applicate sia durante il periodo in cui la Romania dichiarerà lo stato di emergenza, sia per un periodo di 30 giorni dalla fine di tale stato.

 

 

Per far fornote alla crisi causata dal COVID-19, le banche nazioni hanno inviato alla Banca Nazionale Romena (NBR), delle proposte per supportare il settore bancario. Tra le varie misure, le più importanti sono quelle volte a garantire la liquidità in contatni nel caso in cui una determinata area venga messa in quarantena, le banche infatti,  richiedono maggior rifornimenti di denaro per gli sportelli dell’area. Allo stesso tempo, le banche commerciali, chiedono l'eliminazione della commissione addebitate dalla NBR per la raccolta di liquidità e suggeriscono di imporre un tetto al limite massimo di prelievo giornaliero stimato sui 300 lei.

 

 

Uomini d'affari rumeni e non,  riuniti nella “Confederazione dei Datori di Lavoro della Concordia” e nel “Consiglio degli Investitori Stranieri”, hanno proposto al governo 100 misure economiche per fronteggiare la crisi. Tra le iniziative che destano maggiore attenzione vi sono  quelle che mirano a posticipare il termine dei pagamenti per CAS, CASS e CAM per un periodo di tre mesi. Per le PMI sono stati chiesti regimi di prestiti rapidi e garantiti dallo Stato, inoltre si esorta il governo a prendere in considerazione la possibilità di trasformare temporaneamente il programma Start-Up Nation in un regime di sostegno alle PMI. L'elenco delle raccomandazioni comprende anche l'introduzione di un nuovo caso di sospensione del contratto di lavoro di tipo "disoccupazione tecnica", tenendo conto della situazione attuale e non solo di motivi tecnologici.

 

 

Lo stipendio netto medio in Romania è aumentato dell'8,6% a gennaio, rispetto allo stesso mese del 2019, a 3.189 RON (666 EUR), secondo l'ufficio statistico INS. In termini reali, i salari sono aumentati del 4,8% su base annua, in calo dall'8,6% rispetto a dicembre. Questo è stato il secondo tasso di crescita annuale più basso dall'autunno 2014. Il rallentamento nella crescita dei salati reali è avvenuto dopo quattro anni di sostanziale espanzione, parzialmente guidata all’aumento dei salari nel settore pubblico.

Articoli simili
avatar
17.04.2019
Consegna “Guida Paese” all'Ambasciatore della Romania in Italia, George Bologan.
avatar
18.04.2019
Presenta la tua Azienda
avatar
18.04.2019
Confindustria incontra gli imprenditori del Vest
avatar
18.04.2019
ASSOCIAZIONE IMPRENDITORI ITALIANI

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners who may combine it with other information that you’ve provided to them or that they’ve collected from your use of their services. You consent to our cookies if you continue to use our website

Learn more OK